FAQ esami di stato

FAQ esami di stato – GENERALI

1. A CHE COSA SERVE L’ESAME DI STATO?

L’esame di stato è indispensabile per ottenere l’abilitazione all’esercizio della professione e quindi per l’iscrizione all’albo professionale (es: all’Ordine degli Ingegneri, dei Medici, dei Dottori commercialisti…). Formalmente l’abilitazione permette di fregiarsi del titolo professionale (es: “Ingegnere”, “Commercialista”…).
Il Ministero dell’Istruzione, annualmente, emette quattro Ordinanze ministeriali:
-per la professione di Medico Chirurgo;
-per la professione di Dottore Commercialista ed Esperto Contabile;
-per le professioni non regolamentate dal D.P.R. 328/2001 (per Pavia sono Farmacista ed Odontoiatra);
-per le professioni regolamentate dal D.P.R. 328/2001 (per Pavia sono Biologo, Chimico, Geologo, Ingegnere e Psicologo).
Sono, di conseguenza, emessi quattro bandi dal nostro Ateneo, ciascuno relativo all’Ordinanza emessa dal MIUR.

2. POSSO ISCRIVERMI IN PIÙ SEDI O CONTEMPORANEAMENTE AD ALTRI ESAMI DI STATO?

Non è ASSOLUTAMENTE possibile iscriversi nella medesima sessione in più sedi d’esame e neppure iscriversi a più di un esame di Stato nella medesima sessione.

3. È POSSIBILE ESSERE ISCRITTI AD UN CORSO DI STUDIO DURANTE L’ESAME DI STATO?

Sì, l’esame di stato non comporta alcuna incompatibilità con l’iscrizione a un corso di studio universitario.

4. È POSSIBILE ISCRIVERSI ALL’ESAME DI STATO PUR NON AVENDO ANCORA CONSEGUITO LA LAUREA?

Ad eccezione degli esami di stato per le professioni di Psicologo (sez. A e B) e Dottore Commercialista (sez. A e B), per tutti gli altri esami di stato è possibile presentare la domanda di ammissione come studente laureando, purché si entri in possesso del titolo di studio richiesto entro il termine stabilito dal bando. In tal caso il candidato presenta la domanda con l’osservanza delle modalità stabilite per tutti gli altri candidati, allegando inoltre una dichiarazione dalla quale risulti che si è presentata la domanda di partecipazione alla sessione di laurea in cui sia specificata la data presunta della laurea.
Il giorno successivo al conseguimento della laurea il candidato deve produrre una “Dichiarazione sostitutiva riservata ai laureandi”, attestante il conseguimento del titolo accademico, e inviarla all’Ufficio esami di Stato tramite fax al numero 0382-985976. Il file di tale dichiarazione è presente sulla pagina web di ogni singolo esame di Stato.
Nel caso in cui il candidato non consegua la laurea entro il termine stabilito non potrà partecipare all’esame per quella sessione e non gli sarà dovuto alcun rimborso dei pagamenti effettuati.

5. È POSSIBILE ISCRIVERSI ANCHE SE LAUREATI IN ALTRO ATENEO?

Sì, è possibile, basta inserire l’autocertificazione della laurea (sia per i laureati che per i laureandi) durante la domanda di iscrizione che viene compilata online, nell’area riservata dell’Università degli Studi di Pavia. È possibile registrarsi cliccando nel menu a sinistra “registrazione” e seguendo le indicazioni date. Per maggiori info sulla domanda di iscrizione si rimanda alla sezione dedicata presente poco più avanti.

6. ANNUALMENTE, QUANTE SONO LE SESSIONI D’ESAME? COME SONO STRUTTURATE?

L’esame di stato si svolge due volte all’anno. Le date di inizio delle due sessioni e i termini di iscrizione sono stabiliti dalle Ordinanze Ministeriali (emanate di norma entro il mese di marzo), pubblicate alla pagina web dedicata agli esami di Stato.

La prima sessione si svolge, generalmente, nel mese di giugno, la seconda nel mese di novembre.

PER LA PROFESSIONE DI MEDICO-CHIRURGO è previsto un tirocinio di tre mesi seguito da due prove scritte effettuate nello stesso giorno, una dopo l’altra (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di medico link: MEDICO CHIRURGO).
– I sessione: di norma i tirocini si svolgono nei mesi di aprile, maggio, giugno e le prove scritte in luglio;
– II sessione: di norma i tirocini si svolgono nei mesi di novembre, dicembre e gennaio e le prove scritte in febbraio.
Durante ogni mese il candidato deve svolgere almeno 100 ore di tirocinio, il mancato raggiungimento di tale quota comporta l’esclusione del candidato dalla prova scritta e la ripetizione dell’intero tirocinio nella sessione successiva.

PER LA PROFESSIONE DI BIOLOGO sono previste due prove scritte, una prova pratica e una prova orale (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di biologo).

PER LA PROFESSIONE DI CHIMICO sono previste due prove scritte, una prova pratica e una prova orale (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di chimico).

PER LA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA ED ESPERTO CONTABILE sono previste due prove scritte, una prova pratica e una prova orale (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di dottore commercialista ed esperto contabile).

PER LA PROFESSIONE DI FARMACISTA sono previste una prova scritta, tre prove pratiche e una prova orale (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di farmacista).

PER LA PROFESSIONE DI GEOLOGO sono previste due prove scritte, una prova pratica e una prova orale (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di geologo).

PER LA PROFESSIONE DI INGEGNERE sono previste due prove scritte, una prova pratica e una prova orale (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di ingegnere).

PER LA PROFESSIONE DI ODONTOIATRA sono previste due prove orali e pratiche (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di odontoiatra).

PER LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO prevede due prove scritte, una prova pratica e una prova orale (i calendari delle prove saranno disponibili nella pagina dedicata alla professione di psicologo).

7. DI ALCUNE PROFESSIONI SI PARLA DI SEZIONI A E B, CHE COSA SI INTENDE?

Alcune professioni (es: Odontoiatri e Farmacisti) prevedono un’unica modalità di esame e, successivamente, l’iscrizione all’Albo Unico.
Altre professioni invece (Biologo, Chimico, Geologo, Ingegnere, Dottore Commercialista ed Esperto Contabile e Psicologo) prevedono albi divisi in due sezioni:
Sezione A per coloro che sono in possesso di laurea conseguita secondo i previgenti ordinamenti (vecchio ordinamento V.O.), di laurea specialistica oppure di laurea magistrale;
Sezione B riservata a coloro che hanno conseguito una laurea triennale oppure un diploma universitario triennale conseguito secondo il previgente ordinamento.
Le modalità d’esame sono distinte per la sezione; l’Albo degli ingegneri ha un’ulteriore suddivisione per settori: dell’informazione, industriale; civile e ambientale.
Gli esami di Stato attivi presso il nostro Ateneo sono suddivisi nelle seguenti sezioni:
Sezione A
Sezione B
Biologo
Biologo Junior
Chimico
Chimico Junior
Geologo
Geologo Junior
– Ingegnere Civile Ambientale

– Ingegnere Industriale

– Ingegnere dell’Informazione
– Ingegnere Civile Ambientale Junior

– Ingegnere Industriale Junior

– Ingegnere dell’Informazione Junior
Psicologo
– Dottore in tecniche psicologiche per i contesti sociali, organizzativi e del lavoro

– Dottore in tecniche psicologiche per i servizi alla persona e alla comunità
Dottore commercialista
Esperto contabile

8. DOVE SI TROVANO LE MODALITÀ DI ISCRIZIONE ALL’ESAME?

Sulla pagina web dedicata agli esami di Stato, e nei sottomenù specifici per ogni professione, sono pubblicate le informazioni necessarie all’iscrizione.

Tutti i bandi di ammissione agli esami di Stato attivati a Pavia contengono le informazioni inerenti ai:
– termini di iscrizione;
– data della prima prova scritta;
– termine ultimo per il conseguimento della laurea;
– importo tasse (contributo di partecipazione e tassa di ammissione);
– modalità di iscrizione;
– modalità di pubblicazione degli avvisi e degli esiti.

9. COME SI ACCEDE ALLA PROCEDURA DI ISCRIZIONE ON-LINE?

Alla procedura di iscrizione si accede dall’area riservata.
Se non si è laureati presso l’Università degli Studi di Pavia e non è mai stata aperta una carriera presso l’Ateneo, è necessario selezionare la voce “REGISTRAZIONE”, inserire i propri dati e attenersi alle istruzioni fornite.
Se già registrati presso l’Università di Pavia (per una carriera conclusa, un trasferimento o un conseguimento titolo) si procede con l’iscrizione selezionando la voce “LOGIN”, immettendo il proprio codice fiscale come username e la password di ateneo (se si è smarrita, è possibile cliccare su “password dimenticata” nel menu a sinistra e recuperarla; se si dovesse anche aver smarrito la password della e-mail di Ateneo si prega di contattare il seguente indirizzo: beatrice.contardi@unipv.it).

10. COME SI COMPILA LA DOMANDA DI ISCRIZIONE ON-LINE?

Entrati nell’area privata, si sceglie la carriera riguardante l’abilitazione che si vuole ottenere (in caso di presenza di più carriere nel nostro Ateneo), nel menù a sinistra si clicca la voce “SEGRETERIA”, poi nel sottomenù si sceglie “ESAMI DI STATO”, quindi si clicca sul pulsante “ISCRIZIONE”. Si aprirà una procedura guidata in cui si potrà scegliere la voce di proprio interesse (p.e. Ingegnere, Geologo, …); la domanda di iscrizione si deve compilare attenendosi alle indicazioni fornite volta per volta dal sistema. Si ricorda che in questa fase, gli interessati devono allegare (effettuando un upload) una fotografia formato tessera (si prega di premunirsene prima dell’inizio della procedura).

Si ricorda che nella pagina dedicata al titolo di studio (ottenuto o da ottenere in caso si sia laureandi) si dovrà inserire solo l’ultimo titolo ottenuto, coerente con la professione e la sezione richiesta: quindi se il candidato ha conseguito una laurea triennale ed anche una magistrale o una specialistica, inserirà solo quest’ultima per l’iscrizione all’esame di stato sezione A. Si prega di fare attenzione al proprio tipo di laurea:
• se si tratta di una laurea (L) cioè una laurea quadriennale del previgente ordinamento (D.M. 509/99);
• oppure una laurea specialistica (LS);
• oppure una laurea magistrale (LM).
Questo dato è reperibile nell’area privata del proprio ateneo e per i laureati presso l’Università di Pavia è già inserito il titolo corretto di default.

Si fa presente che nella procedura online i titoli accademici erroneamente inseriti non si possono più cancellare dal profilo utente, gravando così sulla parte amministrativa e rallentando le operazioni di iscrizione. In caso non si sia certi del titolo da inserire, si prega di contattare il personale dell’Ufficio esami di Stato PRIMA DI INSERIRLO, i riferimenti sono presenti online, oppure di chiamare l’URP al numero 0382/989898.

Per quanto riguarda l’inserimento dei tirocini, per facilitare l’operazione, sono state predisposte alcune guide per la corretta immissione degli stessi, sulle pagine web relative al proprio esame di Stato:
-per la professione di Dottore commercialista e/o esperto contabile e per le prove integrative di revisore legale;
-per la professione di Psicologo.
Al termine della procedura di iscrizione viene generato, congiuntamente alla domanda di iscrizione, il MAV per il contributo di partecipazione.

11. CHE COSA SI DEVE ALLEGARE ALLA DOMANDA DI AMMISSIONE?

Per la documentazione da allegare alla domanda di ammissione occorre far riferimento ai singoli bandi pubblicati nella pagina web dedicata agli esami di Stato e alle sue pagine correlate (menu a destra).
In ogni pagina sarà presente un elenco degli allegati che sarà possibile scaricare e compilare.

Per partecipare all’ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI MEDICO CHIRURGO occorre presentare la seguente documentazione:

–     Domanda di ammissione all’esame di stato per la professione di Medico Chirurgo da compilare online nell’area riservata e stampare

–     Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

–     Dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa alla tesi ed ai tirocini frequentati durante i corsi elettivi (Allegato 2)

–     Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che conseguono il titolo accademico successivamente al termine previsto per la presentazione della domanda di iscrizione o riservata a coloro che hanno già sostenuto nella sessione immediatamente precedente il tirocinio con esito positivo, ma non hanno conseguito l’abilitazione (Allegato 3)

–     Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

– Fotografia formato tessera

Per partecipare all’esame DI STATO PER LA PROFESSIONE DI BIOLOGO SEZ. A E B occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione all’esame di Stato per la professione di Biologo sez. A o B da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che conseguono il titolo accademico successivamente al termine previsto per la presentazione della domanda di iscrizione (Allegato 2)

– Dichiarazione sostitutiva riservata ai laureati secondo l’ordinamento previgente al D.M. 509/99 (non deve essere presentato dai laureati in Scienze biologiche) (Allegato 3)

– Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di biologo.

 

Per partecipare all’ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI CHIMICO SEZ. A E B occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione all’esame di stato per la professione di Chimico sez. A o B da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che conseguono il titolo accademico successivamente al termine previsto per la presentazione della domanda di iscrizione (Allegato 2)

– Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di chimico.

Per partecipare all’ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI DOTTORE COMMERCIALISTA/ ESPERTO CONTABILE occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione all’esame di stato per la professione di Dottore Commercialista ovvero Esperto contabile da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che hanno già terminato il tirocinio (allegato A)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che prevedono di terminare il tirocinio successivamente al termine previsto per la presentazione della domanda di iscrizione (allegato B)

– Dichiarazione sostitutiva, riservata ai laureati presso l’Università degli studi di Pavia, relativa al possesso dei requisiti per l’esonero dalla prima prova scritta (allegato C)

– Dichiarazione sostitutiva, riservata ai laureati presso Università diverse da quella di Pavia, relativa al possesso dei requisiti per l’esonero dalla prima prova scritta (allegato D)

– Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di dottore commercialista ed esperto contabile.

Per partecipare alle PROVE INTEGRATIVE PER REVISORI LEGALI occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione alle PROVE INTEGRATIVE PER REVISORI LEGALI da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa al conseguimento del tirocinio per Revisore legale (allegato E)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di dottore commercialista ed esperto contabile.

Per partecipare all’ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI FARMACISTA occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione all’esame di stato per la professione di Farmacista da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che conseguono il titolo accademico successivamente al termine previsto per la presentazione della domanda di iscrizione (Allegato 2)

– Dichiarazione sostitutiva relativa alla durata quinquennale della laurea in farmacia del previgente ordinamento al D.M. 509/99 (allegato A) (deve essere compilato SOLO dai candidati in possesso di laurea in Farmacia v.o. vecchio ordinamento)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione relativa allo svolgimento del tirocinio per laureati in CTF v. o. vecchio ordinamento (previgente ordinamento al D.M. 509/99) (allegato B)

– Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di farmacista.

Per partecipare all’ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI GEOLOGO SEZ. A E B occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione all’esame di stato per la professione di Geologo sez. A o B da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che conseguono il titolo accademico successivamente al termine previsto per la presentazione della domanda di iscrizione (Allegato 2)

– Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di geologo.

Per partecipare all’ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI INGEGNERE SEZ. A E B occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione all’esame di stato per la professione di Ingegnere sez. A o B da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che conseguono il titolo accademico successivamente al termine previsto per la presentazione della domanda di iscrizione (Allegato 2)

– Modulo di scelta delle materie sulle quali dovranno vertere le prove nelle materie caratterizzanti la classe di laurea corrispondente al percorso formativo specifico (Allegato 3) (deve essere consegnato dai soli candidati in possesso di laurea v. o. vecchio ordinamento ovvero il previgente ordinamento al D.M. 509/99)

– Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di ingegnere.

Per partecipare all’ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI ODONTOIATRA occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione all’esame di stato per la professione di Odontoiatra da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva di certificazione riservata a coloro che conseguono il titolo accademico successivamente al termine previsto per la presentazione della domanda di iscrizione (Allegato 2)

– Modulo di scelta delle discipline affini (Allegato 3)

– Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di odontoiatra.

Per partecipare all’ESAME DI STATO PER LA PROFESSIONE DI PSICOLOGO SEZ. A E B occorre presentare la seguente documentazione:

– Domanda di ammissione all’esame di stato per la professione di Psicologo sez. A o B da compilare online nell’area riservata e stampare

– Elenco dettagliato della documentazione da allegare alla domanda di ammissione (Allegato 1)

– Dichiarazione sostitutiva relativa allo svolgimento del tirocinio (Allegato 2)

– Attestazione originale dell’avvenuto versamento della tassa erariale di € 49,58 da effettuarsi tramite bollettino sul c.c.p. n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara – tasse scolastiche (non deve essere versata dal candidato qualora sia stato assente nella sessione d’esame immediatamente precedente)

– Ricevuta attestante l’avvenuto versamento del MAV (reperibile nell’area riservata) relativo al contributo per la partecipazione agli esami di Stato di € (vedi bando)

– Fotocopia fronte/retro di un valido documento di identità

– Fotocopia del tesserino del codice fiscale

Tutti i moduli sono scaricabili dalla pagina web dedicata all’esame di Stato per la professione di psicologo.

12. QUALI SONO LE MODALITÀ DI TRASMISSIONE DELLA DOMANDA DI AMMISSIONE

La domanda, stampata, sottoscritta e completa di tutti gli allegati richiesti, dovrà essere trasmessa entro il termine previsto dal bando, con una delle seguenti modalità:
-a mezzo raccomandata postale AR (la busta deve essere indirizzata al Servizio sistemi archivistici di Ateneo – Protocollo – Università degli Studi di Pavia, Palazzo del Maino, Via Mentana n. 4, 27100 PAVIA (PV))
-consegnata direttamente al Servizio sistemi archivistici di Ateneo – Protocollo – dell’Università di Pavia secondo i seguenti orari: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00;
– tramite posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo amministrazione-centrale@certunipv.it

13. DOVE SI TROVA IL PROTOCOLLO?

Presso il Palazzo del Maino, in Via Mentana n. 4, 27100 PAVIA (PV); a fianco alla Piazza della Posta centrale e più a sud della Piazza delle Tre Torri.
Si può raggiungere in macchina, i parcheggi nei dintorni sono a pagamento, tra 1,50€ a 2€ l’ora, oppure con gli autobus 1, 3 e 6 fermata Strada Nuova Demetrio, oppure in treno percorrendo a piedi dalla stazione tutto Corso Cavour, fino a uscire su Strada Nuova, proseguendo a sinistra lungo Strada Nuova e poi girando alla prima a destra.

14. QUANTO COSTA ISCRIVERSI E COME SI EFFETTUANO I VERSAMENTI?

La partecipazione all’esame di stato comporta, per l’anno 2018, il versamento di:
– € 370,00 quale contributo di iscrizione da pagare tramite MAV, stampabile utilizzando l’apposita procedura nell’area riservata: selezionare la voce “LOGIN”, quindi “SEGRETERIA”, poi “ESAMI DI STATO” scegliendo la professione di proprio interesse. A questo punto cliccare sul pulsante “PAGAMENTO”, quindi sul numero presente nella colonna “FATTURA” ed infine sul pulsante “STAMPA MAV”;
-€ 49,58 quale tassa governativa di ammissione da pagare tramite bollettino postale sul conto n. 1016 intestato a: Agenzia delle Entrate – Centro Operativo di Pescara -Tasse scolastiche, in distribuzione presso gli uffici postali.
Gli importi vengono aggiornati di anno in anno, è necessario quindi consultare il bando riferito al proprio anno e non quello di anni precedenti.

15. QUALI SONO LE MODALITÀ PER IL PAGAMENTO DEL MAV?

Il MAV può essere pagato senza alcuna commissione agli sportelli del gruppo UBI Banca o presso qualsiasi sportello di altri istituti di credito. Il pagamento può avvenire anche utilizzando una carta di pagamento abilitata al circuito PagoBANCOMAT presso qualsiasi ATM del Gruppo Unione di Banche Italiane. L’operazione all’ATM avviene digitando il codice identificativo del MAV e l’importo rilevabile dal bollettino stampato. L’Università degli Studi di Pavia riceve il pagamento in un tempo di circa 7/8 giorni lavorativi. Inoltre è possibile effettuare il pagamento anche tramite home banking, basterà allegare la ricevuta che compare alla conclusione dell’operazione online alla domanda di iscrizione.

16. IN CASO DI ESCLUSIONE SI HA IL DIRITTO AL RIMBORSO DEI CONTRIBUTI VERSATI?

NO, come indicato nei Bandi all’articolo 2 non è possibile ottenere alcun rimborso della tassa e del contributo versati.

17. I CANDIDATI SONO COPERTI DA ASSICURAZIONE?

La quota di iscrizione comprende la copertura assicurativa per infortuni.

Per gli iscritti all’esame di stato per la professione di Medico-Chirurgo la quota di iscrizione comprende la copertura assicurativa per Responsabilità civile verso terzi durante il tirocinio e per infortuni.

18. SE NON CI SI PRESENTA ALL’ESAME DI STATO A CUI SI È ISCRITTI, I VERSAMENTI EFFETTUATI SONO VALIDI ANCHE PER LA SESSIONE SUCCESSIVA?

Nel caso in cui un candidato risulti assente sin dalla prima prova, i versamenti effettuati sono validi per la sessione immediatamente successiva a quella per la quale sono stati effettuati, salvo conguaglio per l’aumento degli importi nel caso in cui la sessione successiva cada nell’anno successivo; informazioni in merito all’importo saranno segnalate insieme al bando. In ogni caso sarà necessario effettuare una nuova iscrizione attenendosi alle modalità stabilite dal bando, si dovrà quindi effettuare una nuova domanda online, allegarvi tutti i documenti richiesti, compresi i pagamenti effettuati nella sessione precedente, l’eventuale conguaglio e farla pervenire all’ufficio protocollo con le stesse modalità sopraindicate.

19. DOVE SI TROVA L’UFFICIO ESAMI DI STATO?

In via Ferrata, 5 – 27100 Pavia (PV), a fianco alla Segreteria Studenti di area scientifica.
Si può raggiungere in macchina, uscendo dalla tangenziale all’uscita Istituti universitari – Ospedali, la zona è ricca di parcheggi liberi e coperti da pannelli solari (visibili anche in cartina), oppure con i mezzi prendendo l’autobus 6 e scendendo alla fermata Abbiategrasso Ist. A. Volta (in direzione Cassinetto passa prima per la stazione), oppure gli autobus 3 e 7 scendendo alla fermata Ferrata Tangenziale Ovest (per il 3 la direzione Cascina Pelizza-Colombarone passa prima per la stazione, per il 7 la direzione Maugeri-Mondino passa prima per la stazione).

20. QUALI SONO GLI ORARI DI SPORTELLO E LE MODALITÀ DI ACCESSO?

Solo su appuntamento il martedì dalle 14:00 alle 16:30 e il mercoledì dalle 9:30 alle 12:30 (gli appuntamenti potranno essere prenotati scrivendo a sportellopostlaurea@unipv.it indicando l’ora, il giorno preferiti e la richiesta).

21. SE IL CANDIDATO HA SUPERATO UNA PROVA, MA È IMPOSSIBILITATO A SVOLGERE LE SUCCESSIVE?

In questo caso sarà considerato respinto e l’esame dovrà essere ripetuto integralmente.

22. IN CASO DI NON IDONEITÀ È POSSIBILE RIPETERE L’ESAME?

In caso di risultato negativo è possibile ripetere l’esame nella sessione successiva. È necessario procedere con una nuova iscrizione ed effettuare nuovamente i pagamenti richiesti; l’esame dovrà essere ripetuto integralmente. Non esiste un numero massimo di volte in cui sostenere l’esame di Stato di abilitazione alla professione.

23. DOVE VIENE PUBBLICATO L’ESITO DELLE PROVE DEI CANDIDATI?

I candidati possono consultare gli esiti delle prove accedendo, con le proprie credenziali, all’area riservata solo a conclusione del controllo delle votazioni e del loro caricamento online. Appena i voti saranno disponibili online se ne darà comunicazione nelle pagine relative alle specifiche professioni.
L’elenco degli abilitati viene poi pubblicato all’Albo ufficiale di Ateneo con la sola votazione finale.

24. QUALI CERTIFICAZIONI SONO RILASCIATE AGLI ABILITATI?

Agli abilitati viene rilasciato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dopo alcuni anni dal superamento dell’esame di Stato, il Diploma di abilitazione all’esercizio della professione la cui disponibilità viene comunicata nella pagina dedicata ai Diplomi originali.
In attesa del Diploma originale viene rilasciato, in unico esemplare, l’Attestato sostitutivo a firma del Presidente della Commissione esaminatrice, che sostituisce il diploma a tutti gli effetti, avendo medesimo valore legale.

25. COME SI OTTIENE L’ATTESTATO SOSTITUTIVO?

Bisogna presentare la seguente documentazione:
1. l’istanza compilata e sottoscritta;
2. Due marche da bollo da € 16, una verrà apposta sull’istanza, l’altra verrà applicata dalla segreteria sull’attestato sostitutivo rilasciato all’abilitato;
3. Copia del MAV relativo al pagamento del contributo di stampa del diploma di abilitazione, tale documento viene generato solo alla chiusura dell’esame di Stato e solo per i candidati abilitati, la data di scadenza è fittizia e non ha alcun valore; per gli abilitati di sessioni precedenti la seconda del 2011 il pagamento deve avvenire tramite bollettino di conto corrente postale, con causale “Costo di stampa diploma di abilitazione”. Il versamento va effettuato sul c.c.p. n. 198200 intestato all’Università degli Studi di Pavia – Servizio Tesoreria;
4. Eventuale attestazione del versamento della tassa di abilitazione a favore della Regione in cui è stata conseguita la laurea. La tassa non è dovuta dai laureati in Lombardia che abbiano sostenuto l’esame a partire dalla 1^ sessione 2004; per gli abilitati fino alla seconda sessione 2003 il versamento di €51,65 va effettuato su bollettino di c.c.p. n. 669200, causale “48-1 abilitazione all’esercizio professionale anno ….”. L’importo varia in relazione alla regione nella quale ha sede l’Università in cui si è conseguito il titolo accademico, è pertanto necessario contattare l’Ateneo di provenienza al fine di conoscere gli estremi per il pagamento.

Tutte le informazioni riguardanti le modalità di richiesta e la modulistica da utilizzare sono reperibili alla pagina riguardante il rilascio degli attestati sostitutivi.

26. COME FARE PER RITIRARE LA PERGAMENA?

I diplomi si ritirano presso lo sportello dell’Ufficio esami di Stato – Via Ferrata 5, Pavia negli orari di apertura al pubblico (presentando una marca da bollo da € 16,00 per gli abilitati prima del 2005) e riconsegnando l’attestato sostitutivo in originale, non si accettano copie.
Alla pagina riguardante i diplomi originali.
è indicata la disponibilità delle pergamene e le informazioni riguardanti la procedura di ritiro.
Se l’attestato sostitutivo non è mai stato ritirato e nel frattempo si è resa disponibile la pergamena, si dovrà seguire l’iter suindicato per il rilascio dell’attestato sostitutivo.

27. IL DIPLOMA PUÒ ESSERE RITIRATO DA PERSONA DIVERSA DALL’INTERESSATO?

Il diploma può essere ritirato da altra persona purché munita di:
1. delega completa dei dati anagrafici;
2. documento di identità;
3. fotocopia fronte-retro di un valido documento di identità del delegante.

28. È POSSIBILE CHIEDERE LA SPEDIZIONE DELLA PERGAMENA?

No, la pergamena deve essere ritirata di persona o da un delegato e non può essere spedita a domicilio.
È possibile invece ottenere la spedizione dell’attestato sostitutivo e/o di altri certificati tramite le procedure indicate alla pagina riguardante il rilascio degli attestati sostitutivi.

29. È POSSIBILE OTTENERE DEI CERTIFICATI, COME AD ESEMPIO UN CERTIFICATO PER L’ESTERO?

È possibile ottenere dei certificati solo dopo avere espletato la procedura attinente il rilascio dell’attestato sostitutivo del diploma di abilitazione. Per ogni certificato richiesto bisogna munirsi di una marca da bollo da 16€. I certificati validi per l’estero possono essere rilasciati sul momento, ma solo in lingua italiana, sarà poi compito del richiedente far tradurre e autenticare il documento tradotto.
Per maggiori informazioni su certificazioni e autocertificazioni si rimanda alla pagina dedicata all’informativa degli utenti.

30. QUALI SONO LE REGOLE E LE LIMITAZIONI PER L’ISCRIZIONE ALL’ORDINE? È OBBLIGATORIO ISCRIVERSI? A COSA SERVE?

L’iscrizione all’Ordine non è obbligatoria, ma è necessaria per esercitare la libera professione; può essere fatta in qualsiasi momento, anche diversi anni dopo la laurea e l’abilitazione.
N.B.: Alcune classi di laurea consentono l’iscrizione a più di un esame di Stato (es: la LM-4 in Ingegneria Edile-Architettura permette sia l’iscrizione all’esame di Stato per Ingegnere sia l’iscrizione per l’esame di Stato per Architetto – non presente presso il nostro Ateneo).

31. COME FARE PER ISCRIVERSI ALL’ALBO?

Ogni informazione su modalità, tempi e costi di iscrizione all’Albo dev’essere richiesta agli specifici Ordini (link: ORDINI PROFESSIONALI) delle diverse province, che sono tenuti ad accettare l’autocertificazione di superamento dell’esame di abilitazione.

 

FAQ esami di stato per MEDICO-CHIRURGO

 

1. COS’È IL LIBRETTO DI TIROCINIO? Il libretto di tirocinio è il diario del mese di attività svolto dal candidato, dove vengono indicate le frequenze del tirocinante. La parte finale di esso contiene i giudizi numerici attribuiti dal tutore al candidato. I giudizi numerici concorrono alla formazione del voto finale. Per maggiori informazioni si rimanda alle istruzioni per una corretta compilazione del libretto.
2. DOVE SI RITIRA E A CHI SI RICONSEGNA IL LIBRETTO? I libretti di tirocinio (tre per ogni candidato) si ritirano presso l’Ufficio esami di Stato (Via Ferrata 5 – Pavia): il ritiro può essere effettuato di persona o da parte di un terzo munito di delega scritta e copia di un documento del delegante.
Devono essere ritirati, prima dell’inizio del tirocinio, a partire dalla data indicata nell’avviso pubblicato sulla pagina web dell’esame di Stato per medico.
Devono poi essere riconsegnati al medesimo ufficio al termine del mese tassativamente nei termini prescritti (ogni candidato troverà all’interno di un libretto ed online le scadenze per la riconsegna dei libretti). Il libretto deve essere riconsegnato in busta sigillata vidimata dal tutore valutatore.
3. COME SI SVOLGE IL TIROCINIO? L’esame di Stato si articola in un tirocinio pratico trimestrale e una prova scritta divisa in due parti. Il tirocinio viene svolto per un mese presso un reparto di medicina (clinica medica – libretto bianco), per un mese presso un reparto di chirurgia (clinica chirurgica – libretto rosso) e per un mese presso un medico di medicina generale (MMG – libretto rosa).
La certificazione della frequenza e la valutazione di ciascuno dei tre periodi avvengono a cura dei tutori/valutatori e del responsabile della struttura ospedaliera (quest’ultimo presente solo per la clinica medica e la clinica chirurgica). L’attestazione avviene tramite firma per presa visione nelle pagine del libretto di tirocinio (per maggiori info vedi le istruzioni per la compilazione del libretto).
4. DOVE SI SVOLGE L’ESAME DI STATO? Il tirocinio si svolge presso i reparti ospedalieri di Chirurgia generale del Policlinico San Matteo, presso i reparti ospedalieri di Medicina generale del Policlinico San Matteo, della Fondazione Maugeri, dell’Istituto Santa Margherita e dell’Istituto di Cura Città di Pavia e gli studi dei MMG (in prevalenza della provincia di Pavia, ma possono essere richiesti anche medici di medicina generale di altre province, che hanno dato la propria disponibilità all’Ordine dei Medici di Pavia).
5. COME VENGONO COMUNICATI AI CANDIDATI I NOMINATIVI DEI TUTORI AI QUALI SONO ASSEGNATI? Nella seconda pagina di ogni libretto è presente un’etichetta con i dati del candidato all’esame di Stato, il tipo di tirocinio da effettuare, il periodo di svolgimento e i dati del tutore valutatore a cui è stato affidato. È compito dei candidati prendere immediati contatti con i propri tutori (soprattutto per il primo mese) per una efficace e proficua organizzazione del tirocinio. Il calendario per il ritiro dei libretti prima dell’inizio dell’esame di Stato viene pubblicato alla seguente pagina web.
6. È POSSIBILE INTERROMPERE IL TIROCINIO? L’interruzione del tirocinio per qualsiasi motivo comporta l’esclusione del candidato dalla prova scritta e la ripetizione dell’intero tirocinio nella sessione successiva.
7. NEL CASO DI ASSENZA ALLE PROVE SCRITTE DEVE ESSERE RIPETUTO ANCHE IL TIROCINIO? Qualora non si possa partecipare alla prima sessione utile dopo il completamento del tirocinio per motivi personali gravi e documentati, si conserva il punteggio acquisito nel tirocinio stesso per l’ammissione alla sessione immediatamente successiva (sarà comunque necessaria una nuova domanda di ammissione).
8. QUALI OBBLIGHI HA IL TIROCINANTE? Il tirocinante è tenuto a:
– partecipare a tutte le attività integrate previste dalle Strutture ove viene effettuato il tirocinio;
– svolgere le previste attività professionali, osservando gli orari concordati e rispettando l’ambiente di lavoro e le esigenze dell’attività istituzionale;
– rispettare le norme in materia d’igiene, salute e sicurezza sui luoghi di lavoro fermo restando che il Soggetto ospitante assume le funzioni di datore di lavoro esclusivamente ai fini e per gli effetti del D.Lgs. 81/2008;
– attenersi alle vigenti norme di tutela della privacy, garantendo l’assoluta riservatezza per quanto attiene ai dati, informazioni e conoscenze acquisite durante lo svolgimento del tirocinio.
9. QUAL È LA VOTAZIONE MINIMA PER ESSERE AMMESSI ALLE PROVE SCRITTE? Sono ammessi alle prove scritte i candidati che conseguono un punteggio complessivo di almeno 60 punti, con un minimo di 18/30 per ciascuno dei tre periodi.
10. COME SAPERE CHI È AMMESSO ALLE PROVE SCRITTE? Sono ammessi tutti i candidati che hanno superato il tirocinio. Alla fine del terzo mese di tirocinio, dopo il controllo dei libretti, viene pubblicato online l’avviso riguardante gli ammessi alle prove scritte, i candidati potranno vedere i voti dei singoli tirocini nella loro area riservata, nella sezione dedicata agli esami di Stato.
11. DOVE E QUANDO SI SVOLGONO LE PROVE SCRITTE? La data delle prove scritte, medesima per tutti gli atenei, viene decisa dal Ministero e pubblicata nell’Ordinanza ministeriale annuale. Il luogo e l’ora di svolgimento della prova scritta vengono pubblicati mediante avviso alla pagina dell’esame di Stato per medico circa due settimane prima delle prove stesse.
12. COME SI SVOLGONO LE PROVE SCRITTE? Le prove scritte consistono nella soluzione di 180 quesiti a risposta multipla, suddivise in due parti di 90 quesiti ciascuna da svolgere in 150 minuti. – Tali prove si svolgono in sequenza, nell’arco della stessa giornata, secondo il seguente ordine:
a) area pre-clinica, per valutare le conoscenze di base nella prospettiva della loro applicazione professionale, con riguardo ai meccanismi fisiopatologici ed alle conoscenze riguardanti la clinica, la prevenzione e la terapia;
b) area clinica, per valutare le capacità del candidato nell’applicare le conoscenze biomediche e cliniche della pratica medica e nel risolvere questioni di deontologia professionale e di etica medica.
13. E’ POSSIBILE CONOSCERE I QUIZ CHE SARANNO PROPOSTI? I quiz che verranno proposti durante le prove sono estratti da un archivio di non meno di 5000 quesiti a risposta multipla curato dal MIUR (revisionato almeno 60 giorni prima della prova scritta) e pubblicato in questa pagina.
14. SE NON VENGONO SUPERATE LE PROVE SCRITTE, DEVE ESSERE RIPETUTO ANCHE IL TIROCINIO? In caso di mancato superamento delle prove scritte, il candidato può presentarsi alla sessione immediatamente successiva conservando il punteggio acquisito nel tirocinio, presentando una nuova domanda di ammissione. Qualora non superi le prove scritte nemmeno nella sessione successiva, occorre che ripeta anche il tirocinio.
15. COME SI SUPERA LA PROVA SCRITTA FINALE? La valutazione della prova scritta, consistente in quesiti a risposta multipla, è determinata dall’attribuzione di un punteggio di +1 per ogni risposta esatta, di 0 per ogni risposta non data e -0,25 per ogni risposta errata. La prova si intende superata se il candidato consegue almeno 60 punti in ciascuna delle due parti.

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte di questo sito. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi